top of page

Un filo drammatici: la compagnia teatrale

25734491_555105418171384_214340971432714

Nata da un'iniziativa di genitori di figli in età scolare, volta a sovvertire la tradizione delle recite scolastiche che vedono gli alunni esibirsi per i genitori, quasi subito battezzata come compagnia dei "Geniattori", dove il suffisso "geni" può essere a ragione assegnato a geniali genitori, l'esperienza è sfociata nella ormai consolidata compagnia "Un Filo Drammatici". Un giro di appassionati che ha all'attivo cinque spettacoli, più o meno uno all'anno: "Il Fantasma dell'Opera", dal romanzo di Gaston Leroux che tante trasposizioni ha ispirato, "Sogno di una notte di mezza estate", classico di W. Shakespeare, "L'uccellino azzurro", ispirato all'opera teatrale di Maurice Maeterlinck, "Un pezzo della sua marsina", liberamente tratto dal Barone Rampante di Italo Calvino. I primi tre spettacoli messi in scena con la regia di Enrico Pedrazzini, il quarto con quella di Susi Del Curto, l'ultimo in ordine di tempo "Ogni bambino è figlio mio" per la regia di Monica Consonni.

2015 - "Il Fantasma dell'Opera"

liberamente tratto dal romanzo di

Gaston Leroux

Regia di Enrico Pedrazzini

Foto di Luca Durand

2016 - "Sogno di una notte di mezza estate"

William Shakespeare

Regia di Enrico Pedrazzini

Foto di Luca Durand

2018 - "L'uccellino azzurro"

Regia di Enrico Pedrazzini

Foto di Luca Durand

Gli spettacoli "Un pezzo della sua marsina" e "Ogni bambino è figlio mio" sono stati realizzati nell'ambito del progetto PerFormare, con il contributo di Fondazione Cariplo

Loghi PerFormare.jpg

2018 - "Un pezzo della sua marsina"

liberamente tratto da "Il barone rampante" di Italo Calvino

regia di Susi Del Curto

2019 "Ogni bambino è figlio mio"

Spettacolo di lettura scenica liberamente tratto da "Se fosse tuo figlio" di Nicolò Govoni.

Compagnia "Un Filo Drammatici"

Teatro della Società Operaia di Chiavenna

venerdì 13 e sabato 14 dicembre 2019 - ore 21

 

"Un incontro casuale. Un libro. Una voce che dall’hotspot (campo profughi) di Samos in Grecia, ci raggiunge e ci racconta. Di bambini fuggiti dalla guerra, di rabbia e di paura. Ma anche di scuola, di amicizia, di speranza, di futuro. Di ciò che diamo per scontato per i nostri bambini. Di ciò che merita ogni bambino". Così Monica Consonni, regista dello spettacolo, sintetizza il nuovo lavoro della compagnia "Un filo drammatici", una lettura scenica liberamente tratta dal libro "Se fosse tuo figlio" di Nicolò Govoni. Nicolò è un giovane volontario che da alcuni anni si dedica alla cura di bambini ai quali l'infanzia è di fatto negata. Orfani, quattro anni in India, profughi, a Samos, isola greca sede di "hotspot", centro di prima accoglienza per migranti, nel quale ha fondato Mazì, la prima scuola per bambini e adolescenti lì rifugiati. Di quest'ultima esperienza parla lo spettacolo. Di un campo sovraffollato dove vivono un migliaio di minori in condizione disumana. A turno, centocinquanta di questi, di diverse etnie, trovano in Mazì un porto sicuro, dove possono crescere, studiare e sfuggire, anche se solo temporaneamente, ai traumi cui sono soggetti. E sperare in un futuro migliore. Gli attori ci introdurranno a questa esperienza, facendo parlare maestri e alunni, in un percorso di speranza e di ricerca della dignità negata.

Fu cosi che un uomo qualsiasi

in un qualsiasi tempo

e in un altrettanto qualsiasi luogo

si trovò a vivere

e a dividere i propri momenti di vita con una scimmia.

 

Viveva con loro un curioso personaggio

camminava su trampoli

suonava la tromba

il viso dipinto da clown.

 

Versione ridotta di una storia senza tempo scritta da Enrico Pedrazzini e messa in scena ai tempi del Covid. Con tributi a Charles Bukowski nelle parole dell'uomo e a Julio Cortázar nella voce della donna.

 

La compagnia "un filo drammatici" non si ferma.

4 luglio 2021
Le previsioni del tempo non hanno scoraggiato i numerosi pervenuti all'evento "Via Spluga camminante", escursione da Montespluga al passo Spluga con soste musicali, a cura di Francesco Savoretti e Fabio Mina (percussioni e fiati), e di narrazione, con gli attori della compagnia "Un filo drammatici" della Società Operaia di Chiavenna (testi tratti da testimonianze di viaggiatori in transito nel passato sul percorso). Ed il tempo ha tenuto, permettendo di vivere fino in fondo un'esperienza a detta di tutti emozionante, oltre che diversa nella formula. Si è trattato di una data della ricca rassegna 2021 di Ambria Jazz, in questo caso in collaborazione con CM della Valchiavenna, Consorzio Turistico Valchiavenna, MU.VI.S. ed Ecomuseo della Via Spluga, Comune di Campodolcino e Società Democratica Operaia di Chiavenna ODV.

5 per mille e 2 per mille

All'atto della denuncia dei redditi è possibile indicare un'associazione destinataria di una piccola, ma significativa, percentuale del proprio tributo. A questa fonte di finanziamento si rivolge anche la Società Operaia di Chiavenna. Le risorse  ricevute vengono utilizzate per il completamento del lavoro di ristrutturazione della sede sociale e del teatro di via Chiarelli, nonchè alle attività culturali e sociali che in tali sedi trovano spazio. 

Per contribuire alle nostre attività, che conoscete, o potete conoscere consultando questo sito, basta semplicemente apporre la firma nella casella delle scelte 5 per mille e/o 2 per mille a sostegno del volontariato, indicando il C.F. 81000650143.

Ringraziamo anticipatamente quanti vorranno contribuire alla riuscita ed allo sviluppo delle nostre iniziative.

bottom of page